La famiglia abusata dal clero

ANSA892277_ArticoloUn interessante e scomodo articolo di un prete dal vivace spirito critico al termine dell’ultimo Sinodo dei vescovi cattolici sulla famiglia. Molto utile per tutti quei cattolici che onestamente vogliono decondizionarsi dalla “religione e dalle sue leggi” per ritrovare l’autentico spirito cristiano nella forza dell’Amore e nella luce della Verità che rende liberi nella propria coscienza.

SINODO INUTILE PERCHÉ SUPERFLUO
di Paolo Farinella, prete – Genova 23 ottobre 2015

– Non mi sono affatto entusiasmato al 2° Sinodo sulla famiglia perché avevo il sentore che sarebbe stato un esercizio di prova di forza, come è stato e come gli ultimi avvenimenti maleodoranti stanno dimostrando. Premetto che un sinodo sulla famiglia avrebbe dovuto essere pieno di «famiglie» di ogni specie perché, come vuole il Papa, con «metodo sinodale» potessero riflettere sulla realtà alla luce del vangelo e non delle astrazioni dei principi, a loro volta evaporati da altre astrazioni. Parafrasando alla buona, «codesto» sinodo ha discusso del “sesso degli angeli”, per concludere che deve essere e restare competenza di uomini, celibi (si fa per dire!) e omosessuali attivi e passivi, purché non conclamati.
Uomini che teoricamente dovrebbero essere celibi e/o vergini, quindi digiuni di sesso, per giunta vecchi prostatici con pannolone a seguito, che discutono di famiglia per dire chi e cosa deve essere, non fa ridere nessuno. Uomini che predicano la continenza come principio astratto, visto come va la realtà nel mondo – pedofilia generalizzata, scandali sessuali a tutti i livelli, il Vaticano covo di depravati compulsivi e ossessivi, vescovi africani e non con l’harem nei rispettivi episcopi, figli di preti e vescovi, che chiamano «zio» quello che tutti gli altri non figli chiamano «padre», ecc. – costoro hanno la presunzione di parlare di famiglia. Non sarebbe ora che tacessero? Viene voglia con Totò di liquidarli con un irriverente «Ma mi faccino il piacere!». Continue reading

Rendere l’uomo assolutamente, incondizionatamente, libero. JIDDU KRISHNAMURTI

Jiddu Krishnamurti biografy

Discorso di scioglimento dell’Ordine della Stella d’Oriente.

L’Ordine della Stella d’Oriente fu fondato nel 1911 per proclamare la venuta del Maestro del Mondo e Krishnamurti fu nominato Capo dell’Ordine. Il 3 agosto 1929, a Ommen, in Olanda, all’apertura dell’Assemblea Annuale dell’Ordine, di fronte a 3000 seguaci, Krishnamurti sciolse l’Ordine della Stella con il discorso che segue.

Questa mattina parleremo della dissoluzione dell’Ordine della Stella. Molti ne saranno felici e altri ne saranno rattristati. Ma non si tratta di gioirne nè di rattristarsene, perché è inevitabile, come vi spiegherò. Forse ricorderete la storiella del demonio che passeggia per la via con un amico; a un certo punto, davanti a loro, un uomo si china a raccogliere qualcosa per terra, lo guarda e se lo mette in tasca. L’amico chiede al demonio: “Che cosa può aver raccolto quell’uomo?” “Ha trovato un pezzo di verità”, risponde il demonio. “Ah, è un brutto affare per te, allora!” osserva l’amico. “Oh, niente affatto – replica il demonio – adesso farò in modo che la organizzi.”

Io sostengo che la verità è una terra senza sentieri e non la si può avvicinare da nessun tipo di percorso, religione o setta.

Questo è il mio punto di vista, al quale aderisco in modo assoluto e incondizionato. Essendo la verità illimitata, incondizionata, non raggiungibile da nessun tipo di strada, non può essere organizzata né si dovrebbe formare nessuna organizzazione per guidare o forzare le persone a percorrere vie particolari. Continue reading

PHANUS – Il nuovo album musicale di Stefano Mazzilli

Phanus-CD-Cover_WXxx

La Compagnia di Phanus è lieta di annunciare l’uscita dell’album musicale di Stefano Mazzilli: “PHANUS Storia d’amore e de rivoluzione ne la Roma papalina de l’Inquisizione“, pubblicato da Merlinomusic, con gli arrangiamenti del Maestro Luigi Mas.

L’album contiene 10 brani dal tono originale, esilarante, poeticamente raffinato e sorprendente per l’alternarsi di struggenti melodie al genere scanzonato del romanesco goliardico.

Stefano Mazzilli cantautore e moderno cantastorie dà voce e anima al ritorno di Phanus, figura emblematica della lotta popolare contro ogni potere oppressivo e mistificatore.

Le canzoni sono ispirate al libro “Phanus lo skomunicatus” dello stesso autore e fanno parte del progetto Phanus, culminante nella versione teatrale. Un omaggio al libero pensiero, al sogno di nuova umanità, alla nostalgia della bellezza, alla gioia di vivere.

Continue reading

Dov’è la libertà?

rifondazionefede_MANCUSO

Tratto da “Rifondazione della fede”
di Vito Mancuso

La condizione umana è originariamente immersa nella non-verità, dice il dogma del peccato originale. Ma che cosa significa? Un gruppo di giovani, al bar come tutte le sere. Un gruppo di anziani, che, ancora, discutono di calcio e totocalcio. Un gruppo di ragazze, che si guardano reciprocamente i vestiti. Una folla di ragazze davanti a un hotel, in attesa del cantante, pronte a urlare la loro sottomissione. La tv, milioni che la guardano, e vi si riconoscono. Dov’è la libertà?
La libertà è una meta alla quale solo pochi approdano. I più si credono liberi perché possono scegliere, ma in realtà scelgono solo questo o quel mezzo, questa o quella strada, verso una meta inevitabilmente già segnata, imposta loro dalla necessità. Imposta loro dal branco. Gli uomini non sono liberi, liberi lo possono solo diventare. Continue reading

L’anima e il suo destino

MANCUSO-ANIMADa “L’anima e il suo destino” di Vito Mancuso

La salvezza dell’anima

Da che cosa deve essere salvata l’anima? È questa la domanda che guida il capitolo. Se la salvezza, come abbiamo visto all’inizio, non può che essere dal peccato, occorre chiedersi quale peccato. Non il peccato originale, inteso come macchia colpevolizzante nell’anima di chi viene fatto nascere in uno stato di inimicizia con il suo creatore, quanto piuttosto il “peccato del mondo” di cui parla il Quarto Vangelo. Che cos’è questo peccato del mondo? Un trucco della teologia per riprendersi con una mano ciò che aveva appena restituito con l’altra alla bontà della natura? Un peccato originale sotto falso nome? Un altro dei numerosi tradimenti contro la fedeltà alla terra? Continue reading